Unipace Roma partecipa al convegno sulla Mediazione per la Pace (leggi articolo)

Unipace Roma partecipa al progetto formativo Mediazione per la Pace della Pontificia Università Antonianum offrendo il proprio contributo alla discussione sui metodi alternativi di risoluzione dei conflitti.

Il giorno 3 maggio, in occasione del convegno “Nel cuore della Famiglia”, è intervenuto il coordinatore della didattica di Unipace, Prof. Ercole Amato, esponendo una relazione sul ruolo della famiglia nella diffusione dei principi educatori delle coscienze che permettono l’affermazione di modelli di convivenza civile basati sulla solidarietà, il rispetto e la comprensione.

La famiglia, applicando il principio di sussidiarietà, costituisce la cellula primaria della società, che interviene nell’ambito sociale fornendo il proprio contributo indispensabile nella formazione dell’animo umano fin dall’infanzia, consentendo il radicamento dei precursori etici che rappresentano la base comune di partenza per lo sviluppo del bene comune.

Come dice Papa Francesco nella Enciclica Laudato Sì (n.213): “Nella famiglia si coltivano le prime abitudini di amore e cura per la vita, come per esempio l’uso corretto delle cose, l’ordine e la pulizia, il rispetto per l’ecosistema locale e la protezione di tutte le creature. La famiglia è il luogo della formazione integrale, dove si dispiegano i diversi aspetti, intimamente relazionati tra loro, della maturazione personale.”.

Di conseguenza, ha proseguito Ercole Amato, la famiglia è anche il luogo dove si forma l’educazione ambientale in quanto la cura della casa comune ha come scopo finale quello di attuare uno sviluppo umano che sia ecologicamente, socialmente ed economicamente sostenibile in grado di promuovere il livello minimo delle capacità primarie dell’uomo, e di assicurare il primato dell’etica sulla tecnica al fine di salvaguardare sempre la dignità dell’essere umano.